Mission

POMPARGHEDRIO

Dietro questa parola, divenuta emblematica, si nasconde gran parte del nostro successo.

Il concetto

Il concetto di pomparghedrio nasce dall’osservazione del fatto che per creare una struttura fisica adatta allo sport e arrivare a performance eccellenti nelle alzate di gara del powerlifting è molto utile fare un grande lavoro muscolare, volgarmente chiamato di pompaggio, dietro a quello sulle alzate di gara. Specialmente su un atleta natural.
In breve: “te ghe da pomparghe drio”

Nella nostra metodologia dell’allenamento, i complementari hanno smesso di essere una suppellettile e sono diventati una parte fondamentale. Il nostro atleta ideale non è solo tecnicamente efficiente ma è, soprattutto, completo. Per sostenere carichi pesanti ad alto volume su base costante infatti è OBBLIGATORIO costruire una struttura fisica forte, robusta e che esprima grandi livelli di forza generale su diversi piani di movimento.

La metodologia

Programmare adeguatamente i volumi e i carichi di lavoro dei complementari fornisce uno strumento utilissimo per manipolare la fatica a nostro piacimento. Dobbiamo sempre tenere a mente che tagliare il volume diminuisce la fatica, ma fa calare anche la condizione e di conseguenza la spinta che abbiamo a disposizione. Il compito di un bravo allenatore è di gestire la fatica in modo da permettere all’atleta di ottenere il massimo dai propri allenamenti e di avere la condizione migliore possibile in gara.

Essendo oramai troppo grandi per credere a favolette come la fatina dei denti, il coniglio pasquale e l’ottimizzazione della tecnica a carichi bassi che ti fa magicamente salire il massimale, abbiamo a lavorato per costruire una metodologia di allenamento che permettesse l’uso di carichi pesanti su base costante. Questo è fondamentale per costruire un’elevata capacità di lavoro, necessaria a sostenere su base settimanale i carichi di lavoro sub massimali tipici della fase di intensificazione e pre-gara durante le quali con le metodologie tradizionali verificano spesso infortuni o crolli della condizione.

Saper programmare, a breve e lungo termine, il lavoro complementare diventa, quindi, una capacità fondamentale per trarre il meglio dal lavoro specifico sulle alzate di gara e per ridurre al minimo gli infortuni. Nel pomparghedrio rientra anche il lavoro di conditioning, prehab e mobilità

TESTIMONIANZE

Alcuni dei nostri ragazzi curati dal pomparghedrio

Da 70kg a 125kg

Mission
Mission

Da 56kg a 58kg

Mission
Mission

Da 70kg a 100kg

Mission
Mission